Speciale Comunali 2014 Annone Veneto Cinto Caomaggiore Concordia Sagittaria Fossalta di Portogruaro Gruaro Teglio Veneto

Articoli in archivio


19/05/2014 - Comune e Territorio

CINTO CAOMAGGIORE AL VOTO: RENATO QUERINI...

Lista Civica "Il Paese che vogliamo - insieme si può"

 

CINTO CAOMAGGIORE

(Eletto sindaco Gianluca Falcomer - clicca qui) 

 

INTERVISTA A RENATO QUERINI CANDIDATO SINDACO A CINTO CAOMAGGIORE


Cinto al voto: Conferenza stampa di Renato Querini sulla Casa di Riposo...

Il Candidato sindaco Renato Querini afferma che il Commissario si è disinteressato della Casa di Riposo, e questo ha portato al 31.01. 2014 alla perdita dei posti letto, e soltanto grazie al Centrodesta e all’interessamento dei Comuni di Gruaro, Jesolo e Musile di Piave  che si è potuto riaverli…

Invece i Comuni di Centrosinistra hanno rifiutato di cedere dei posti letto, specialmente Portogruaro, nostro partner , si è rifiutato di aiutare Cinto, afferma Querini, siamo consociati ma loro se ne fregano, hanno pensato solo per loro, sono circa 15 anni che hanno 120 posti letto bloccati e non ha mai realizzato niente, mentre Cinto per una lettera non spedita gli vengono tolti i posti letto…Questo è un dato che  il cittadino lo deve sapere !

Segue poi l’intervento di Simone Blasoni,  uno dei responsabili della Sereni Orizzonti, la Società che realizzerà questo Centro Servizi per Anziani, il quale spiega lo stato delle cose , e dell’accordo stipulato con l’altra società interessata a questo Progetto, come pure la conferma che erano pronti a fare causa al Comune di Cinto se non si fosse realizzata l’opera concordata…

Adesso, anche dopo aver parlato con il Commissario che è sempre stato trasparente e corretto, si è ritenuto giusto e doveroso attendere l’esito delle votazioni, e poi con il nuovo Sindaco portare a termine i lavori che richiederanno non più di 18 mesi…


Cinto al voto: L'Assessore regionale Renato Chisso "CI SPIEGA" la Casa di Riposo

L'Assessore regionale Renato Chisso inizia smentendo subito che nelle decisioni della Regione Veneto, i cittadini di Cinto siano stati penalizzati per loro scelta di passare al Friuli, non esistono cittadini di seria A e cittadini di serie B,e fintanto si trovano nel Veneto (come ora), saranno trattati come tali..

Quello che è successo a Cinto per la vicenda dei Posti letto, afferma Chisso, è solo la conseguenza di avere affidato il Comune a un Commissario, che con tutto il rispetto, è soltanto un tecnico e un burocrate dello Stato, e lo si è visto anche qui, dove in 8 mesi ne sono successe di tutti i colori...

Chisso pone in risalto non soltanto il rischio corso della perdita dei 90 Porti letto, ma anche delle conseguenze economiche pesantissime di una causa legale a cui Cinto sarebbe andato incontro se fosse finita male, poi seguita dalla Regione, tesi confermata anche dal rappresentate della Società Sereni Orizzonti che era lì presente, e se loro non fossero intervenuti per risolvere la situazione, questo sarebbe accaduto, e tutto per un fax o una lettera non mandata… (dal Commissario, sottinteso!)

L’assessore Chisso si è lamentato degli articoli di stampa accusatori nei loro confronti per la perdita dei posti letto, del tutto infondati, ricordando gli “interventi” di certi sindaci, tanto è vero che nell’ultima Conferenza dei Sindaci hanno chiesto “ai loro amministratori” (?!) di ripristinare la situazione antecedente al taglio di Cinto, per dare così ai loro cittadini un trattamento di equità…

Conclude Chisso, si è evitato con il loro intervento, che per colpa di un errore di “qualcuno” i cittadini di Cinto pagassero di tasca propria le conseguenze, poi sarà compito del nuovo Sindaco, sperando possa essere Renato Querini, a portare a termine se lo vorrà, questa operazione, e Chisso fa una menzione particolare di encomio all’ex assessore Calabrò, ora di nuovo candidato consigliere, che li ha fortemente "pungolati"… (In difesa dei Posti letto si era incatenato al Municipio!)


Cinto al voto: Coordinatore FI Visentin spara sul Comune di Portogruaro !

L’avv. Igor Visentin, coordinatore di Forza Italia per la Provincia di Venezia, cerca subito di “assolvere” il suo Partito da questa tanto contestata storia dei Posti letto tolti a Cinto, e lo fa alla sua maniera, accusando gli altri…

Visentin fa la cronostoria della vicenda, essendo stato sindaco e Presidente della Conferenza dei sindaci, e se erano d’accordo 2 anni fa che senso aveva non esserlo adesso, continua Visentin, mentre è un dato di fatto che Cinto una volta commissariata ha smesso di corrispondere con l’Azienda sanitaria (ULSS 10), e i Sindaci in Conferenza non hanno fatto altro che prendere atto delle mancanze e agire di conseguenza…

L’ex sindaco Visentin inizia poi la sua carrellata di pesanti accuse, partendo dal Commissario prefettizio Natalino Manno, senza mai chiamarlo per nome, ma riferendosi al ruolo ricoperto, che dopo due giorni dal suo insediamento a Cinto ha subito revocato le Convenzioni in essere, a favore di Portogruaro perchè Comune più grande, ma in pratica peggiorando i servizi di Polizia Locale e Servizi Sociali, considerando che poi Portogruaro è stato il primo a non preoccuparsi dei posti persi di Cinto, anche se era un Comune consociato…

Visentin poi fa un “focus” sul ruolo del Comune di Portogruaro, con un elenco delle manifeste “difficoltà”, iniziando dall’Ospedale unico, poi gli Acquedotti e l’Asvo, mettendone in discussione la leadership e le capacità, e lui come Centrodestra, afferma,  ci tiene a sottolinearlo perché il prossimo anno si vota a Portogruaro…

Poi Visentin nel ricordare che Querini è stato fatto cadere per scelte “personalistiche” da coloro che dovevano invece solo appoggiarlo, tutto quello che è stato deciso in seguito dal Commissario ha ottenuto un effetto contrario,  e di fatto ha bloccato il Comune che ora è fermo, questo è il risultato quando si manda a casa un Sindaco…

Terminato l’intervento di Visentin, Querini chiede se ci sono domande, e ovviamente io ne ho fatta una, dove chiedevo se a fronte di una decisone dei Sindaci del Centrodestra di togliere i posti letto a Cinto per motivi tecnici/burocratici, sia poi subentrata la Politica Regionale del Centrodestra che ha usato il buon senso e ha fatto correggere questa “distorsione” per ridare i posti a Cinto, domandando conferma  se erano d’accordo con questa mia lettura…

Apriti cielo,  Querini e Chisso si sono limitati a dire no con la testa, mentre l’avvocato Igor Visentin, ex sindaco, ex presidente della Conferenza dei sindaci e attuale Coordinatore di Forza Italia per la Provincia di Venezia, ha “tuonato” a più non posso, invitandomi a dire ai miei (?!) come sono andate le cose da lui raccontate, e che sono stati i  suoi, i sindaci di centrodestra ad agire con responsabilità, mentre sono mancate le disponibilità dei sindaci di centrosinistra…



 
CINTO_FOTO_DI_GRUPPO_LISTA_IL_PAESE_CHE_VOGLIAMO_.pdf

CINTO_FOTO_DI_GRUPPO_LISTA_IL_PAESE_CHE_VOGLIAMO_.pdf (312 KB)

PROGRAMMA_LISTA_DI_RENATO_QUERINI_A_CINTO_.pdf

PROGRAMMA_LISTA_DI_RENATO_QUERINI_A_CINTO_.pdf (163 KB)

RENATO_QUERINI_LA_NUIOVA_VENEZIA_06_MAGGIO_2014_.pdf

RENATO_QUERINI_LA_NUIOVA_VENEZIA_06_MAGGIO_2014_.pdf (413 KB)

RENATO_QUERINI_IL_GAZZETTINO_DI_VENEZIA_19_MAGGIO_2014_.pdf

RENATO_QUERINI_IL_GAZZETTINO_DI_VENEZIA_19_MAGGIO_2014_.pdf (114 KB)


successivoprecedente

© 2017 Gianfranco Battiston
Portogruaro

Realizzato da equo.biz