Speciale Comunali 2014 Annone Veneto Cinto Caomaggiore Concordia Sagittaria Fossalta di Portogruaro Gruaro Teglio Veneto

Articoli

indietro invia ad un amico stampa condividi su facebook

26/06/2017 - Comune e Territorio

POST OFFENSIVO VERSO SINDACO: SCUSE ZANIN, SENATORE ACCETTA

Dopo aver ricevuto notifica dell'Esposto, ecco lo scambio epistolare...

26 Giugno 2017


 

Caro amico ti scrivo, e più forte ti scriverò...

 

Anche Roberto Zanin, consigliere comunale e Segretario locale del PD, è caduto nella trappola di Facebook, dove se non si sta attenti, si sta un attimo a scrivere cose di cui poi ci si deve scusare, e ha fatto uno scivolone sul "rifiuto non riciclato", il cui destinatario, la sindaco Maria Teresa Senatore, non ha gradito e ha presentato un Esposto, e a quel punto ecco la  Lettera di spiegazione e di scuse di Zanin (clicca qui), che però non ha per niente convinto la Senatore (clicca qui), che bontà sua, le ha accettate lo stesso...

Su Facebook qualcun ha detto che ci sono gli estremi per una cacciata di Zanin dal Consiglio comunale, dopo queste gravi offese al Sindaco di Portogruaro, ma io non credo minimamente che ci siano gli estremi per farlo, che abbia fatto un accostamento di cattivo gusto non ci piove, ma niente di più... semmai da allontanare dal Consiglio sono altre persone, che hanno detto cose non vere nelle Adunanze consiliari, e non siedono nei banchi della Minoranza...

Trovo più grave quando la Sindaco Senatore ha fatto scena muta a domanda diretta della Consigliera Alida Manzato sul Segretario comunale, se lavorava anche a Portobuffolè, come poi è emerso, e la Senatore ha ammesso che ne era ha conoscenza, ma ha lasciato che si votasse in Consiglio sulla sua conferma su basi sbagliate, ecco, queste sono le cose dove davvero si può discutere un "allontanamento"... e lasciamo che ai rifiuti riciclabili e non, ci pensi l'ASVO, a ognuno il suo mestiere, l'importante è fare la raccolta differenziata...

 

G.B. 

 


 

Alla Sig.ra Sindaca Maria Teresa Senatore

 

Al Sig. Prefetto di Venezia

Al Procuratore della Repubblica di Pordenone

Alla Consigliera per la Pari Opportunità della

Città Metropolitana di Venezia

Al Ministro degli Interni

Al Ministro per le Pari Opportunità

Al Comando Carabinieri di Portogruaro

 

e p.c. agli Assessori Comunali

e p.c. ai Consiglieri Comunali.

 

Oggetto: esposto nei confronti del sottoscritto in data 20 giugno 2017.

Riscontro di avere ricevuto in data odierna il Suo esposto riguardante un mio commento, in data  18/19 giugno u.s. sul profilo Facebook del Sig. Sandro Supino.

Desidero innanzitutto chiarire che il suddetto commento non attiene e non voleva attenersi in alcun modo alla Sua sfera “personale”. Se le mie parole, per la loro formulazione, possono essere state diversamente interpretate, mi spiace sinceramente e mi scuso.

Il mio commento va però contestualizzato a quanto rappresentato su Facebook e va collegato alle considerazioni espresse dall’autore del post, inerenti le problematiche riguardanti il decoro dei luoghi ed il rispetto per l’ambiente, in particolare alle scelte dell’Amministrazione relativamente alla viabilità del Centro Storico.

Il mio è stato un commento troppo immediato e non sufficientemente spiegato,   ma sicuramente non rivolto alla sua persona. La scelta di parole – che potevano essere fraintese - con cui mi sono espresso si riferiva esclusivamente all'attività politica amministrativa: volevo metter in risalto come da un lato, giustamente, si richiamano ad una maggiore attenzione i cittadini rispetto alla cura del decoro, ma, dall’altro, altrettanta attenzione non si è posta nelle scelte legate alle modifiche della viabilità nel Centro Storico, che hanno aumentato i livelli di inquinamento. La scelta – politica – da Lei portata avanti sulla viabilità, risulta in tal senso “non riciclabile”, non modificabile, che non può essere riutilizzata. Il mio era, pertanto, un  giudizio politico, una critica politica unicamente collegata ad una attività che, per l’ambiente e il decoro del Centro Storico e dei suoi beni architettonici, a mio modesto parere, risulta dannosa.

Questo è il vero senso di ciò che in maniera non riflessiva ho scritto su Facebook nel “post” oggetto dell’esposto. Ripeto non volevo in alcun modo dare un giudizio sulla Sua persona, né tantomeno essere in qualsiasi modo offensivo.

Certamente la sinteticità del post e la non esplicitazione delle motivazioni, che stavano alla base del mio giudizio politico espresso, possono aver determinato l’equivoco sul senso reale del commento e di questo nuovamente mi scuso.

Le porgo distinti saluti.

                                                                                                       

Portogruaro 20 giugno 2017                                             Roberto Zanin

 

 


 

 Città di Portogruaro

Città Metropolitana di Venezia

 

                                                     Al Sig. Zanin Roberto

                                                      Via Fornace 74

                                                      Pradipozzo di Portogruaro

                                                      Al Signor Prefetto di Venezia

                                                      Al Procuratore della Repubblica di

                                                      Pordenone

                                                      Alla Consigliera per la Pari Opportunità

                                                      della Città Metropolitana di Venezia

                                                      Al Ministro degli Interni

                                                      Al Ministro per le pari Opportunità

                                                       Al Comando Carabinieri di Portogruaro

                                                       Loro Sedi

                                         e, p.c.    Ai Sigg. Assessori Comunali

                                                       Ai Consiglieri Comunali

                                                       Sede

 

Egregio signor Roberto Zanin,

leggo la Sua nota in oggetto nella quale intende chiarire la Sua posizione e dare una spiegazione al Suo commento, sostenendo che io avrei frainteso le Sue parole, riferite non alla mia persona ma "esclusivamente all'attività politica amministrativa" e in particolare alle scelte sulla viabilità.

Mi spiace constatare che non ci capiamo: se le Sue parole erano rivolte a me come Sindaco e alla mia Amministrazione, la questione, secondo me, diviene anche più grave, in quanto l'offesa, - rifiuto non riciclabile - a questo punto, non è rivolta solo alla mia persona e alla carica che rivesto ma anche a tutta l'Amministrazione e la cosa non mi pare di poco conto.

lo ritengo, invece, che le Sue parole siano state offensive in sé e non in quanto io le ho intese come tali e inoltre non sono affatto convinta che la Sua frase non fosse rivolta alla sottoscritta come persona.

Proprio perché ho contestualizzato il Suo commento nell' ambito di quanto rappresentato sul post di Facebook, considero fuor d'opera quanto Ella ha scritto perché la manifestazione del dissenso rispetto alle scelte che l'Amministrazione ha fatto sulla viabilità mal si collega al tema del Suo commento; il fatto, poi, che secondo lei, "altrettanta attenzione non si è posta nelle scelte legate alle modifiche della viabilità nel Centro Storico" e che tali scelte "hanno aumentato i livelli di inquinamento ", mi pare solo una Sua opinione, non supportata da dati oggettivi.

Mi consenta di dire che le parole hanno un peso, per cui è bene essere sempre molto attenti a quello che si scrive e a quello che si dice perché non bisogna dimenticare che l'essenza della comunicazione non sta solo in ciò che il nostro interlocutore recepisce, ma anche - e soprattutto – nelle parole che si scelgono per rappresentare il nostro pensiero, non potendo, poi, ragionevolmente ritenere la reazione ad esse sia sempre frutto dell'altrui fraintendimento.

Quanto alla critica politica, che Ella invoca a Sua discolpa, attribuendo la mia reazione a mio fraintendimento e non all'oggettiva offensività del Suo commento, va detto che essa è esempio ed esercizio di democrazia e in tal senso è utile a tutti, ma per essere veramente tale, non ha bisogno di scadere nell'offesa, ma ha bisogno di argomenti costruttivi e io, nelle parole del Suo commento, non leggo alcun contributo in tal senso.

Prendo, infine, atto Ella si scusa per l'offesa arrecata e, dal momento che mi ritengo una persona comprensiva, accetto le scuse anche se sommessamente mi permetto di invitarLa a una maggior riflessione sul senso e sul conseguente uso delle parole.

Distinti saluti.

 

Il Sindaco

Maria Teresa Senatore

 



 
LETTERA_SCUSE_CONSIGLIERE_ROBERTO_ZANIN_AL_SINDACO_SENATORE_.pdf

LETTERA_SCUSE_CONSIGLIERE_ROBERTO_ZANIN_AL_SINDACO_SENATORE_.pdf (8 KB)

RISPOSTA_DEL_SINDACO_MARIA_TERESA_SENATORE_A_SCUSE_ZANIN_.pdf

RISPOSTA_DEL_SINDACO_MARIA_TERESA_SENATORE_A_SCUSE_ZANIN_.pdf (83 KB)


precedente

© 2017 Gianfranco Battiston
Portogruaro

Realizzato da equo.biz